Duodecim Scripta - PerGioco.net

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Duodecim Scripta

Giochi > Giochi di tavoliere astratti > Dalla A alla Z > C-D > Dia-Dvo
Giochi di tavoliere astratti:    Legenda    Elenco alfabetico          Autori      
Introduzione e regole
Introduzione
Il Duodecim Scripta è un gioco di percorso praticato nell'antico Impero Romano, affine al Gioco Reale di Ur ed all'attuale Backgammon. E' noto anche come Ludus Duodecim Scriptorum o Gioco delle dodici linee. Anche di questo gioco ci restano molti tavolieri, perlopiù marmorei, ma non le regole, che sono state ricostruite sulla base di diverse fonti, spesso frammentarie. Sono stati ritrovati tavolieri (o tabulae lusoriae) incisi nelle tabernae, nel foro, nel circo, ecc., caratterizzati quasi sempre dall'incisione di sei gruppi di sei lettere: in alcuni casi le lettere sono tutte uguali fra loro (a volte vengono utilizzati semplicemente dei simboli); in altri casi le lettere formano parole che a loro volta compongono frasi scherzose, un po' come i motti che si ritrovano sugli assi delle carte regionali italiane. Fra le frasi ritrovate sui tavolieri citiamo: VENARI LAVARI / LVDERE RIDERE / OCCEST VIVERE; LEVATE DALOCV / LVDERE NESCIS / IDIOTA RECETE; VIRTVS IMPERI / HOSTES VINCTI / LVDANT ROMANI; ABEMVS INCENA / PVLLVN PISCEM / PERNAM PAONEM (quest'ultimo è un vero e proprio menù della taberna). Scritte analoghe si trovano sui turricula, una sorta di bussolotti per il lancio dei dadi.
Le lettere incise rappresentano le caselle e su di esse si muovono le pedine (presumibilmente 15) il cui movimento viene decretato dal lancio di tre dadi. Le lettere (e quindi le parole delle frasi) sono disposte su tre file; successivamente il gioco si evolve passando a soltanto due file di case, dando così origine al gioco della Tabula, che si avvicina maggiormente all'odierno Backgammon.


Inviaci un messaggio!





Ultimo aggiornamento: 22/02/2017
 
Torna ai contenuti | Torna al menu