Moulin Rouge - PerGioco.net

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Moulin Rouge

Giochi > Giochi di tavoliere astratti > Dalla A alla Z > L-M > Med-Mut
Giochi di tavoliere astratti:    Legenda    Elenco alfabetico          Autori       
Introduzione e regole
Moulin Rouge
Introduzione
Questo gioco, noto anche come Third Man, viene ideato nel 1968 da Eugen Oker e da T. Siebenstadt. Si tratta di una variante del classico gioco del Mulino. Il tavoliere è costituito da tre anelli girevoli contenenti otto caselle ciascuno. Al gioco possono partecipare da 2 a 4 giocatori.

    
Moulin Rouge
Figura 1
Moulin Rouge
Figura 2
Moulin Rouge
Figura 3
Come si gioca
Il gioco è composto da un tavoliere con 24 intersezioni, come in figura 1, e da 20 pedine (di due colori diversi).
Si gioca in due. I giocatori giocano a turno. Ogni giocatore ha una sola mossa per ciascun turno. La posizione iniziale è quella riprodotta in figura 1 (tavoliere vuoto). Inizia indifferentemente uno dei giocatori.
Lo svolgimento del gioco si struttura in tre fasi.
Fase di posizionamento
In questa fase ciascun giocatore, a turno, può collocare una nuova pedina sul tavoliere, in una intersezione ancora libera, oppure muovere uno dei tre anelli, di una posizione, in una direzione qualsiasi. E' vietato muovere un anello sul quale non vi siano proprie pedine; è inoltre vietato muovere in direzione opposta lo stesso anello eventualmente mosso dal giocatore precedente. In questa fase non è possibile muovere le pedine già collocate sul tavoliere.
Quando un giocatore realizza un Mulino, e cioè una fila ininterrotta di tre pedine del proprio colore, poste su una stessa linea continua, può catturare una pedina a scelta da ciascun avversario, togliendola dal tavoliere. Il Mulino deve essere costituito da tre pedine poste ciascuna su un anello diverso del tavoliere. Le pedine catturate non rientrano più in gioco, nemmeno nelle fasi successive. Non è possibile catturare una pedina facente parte di un Mulino. Se il giocatore realizza nella stessa mossa 2/3 Mulini, ha diritto a catturare 2/3 pedine a scelta da ciascun avversario. E' possibile che, muovendo un anello, un giocatore realizzi uno o più Mulini con pedine avversarie: questi Mulini non producono catture; le pedine che li compongono non possono però essere catturate.
La fase di posizionamento termina una volta che un giocatore ha collocato tutte e 10 le pedine a disposizione.
Esempio: In figura 2 vediamo la situazione sul tavoliere dopo alcune mosse della fase di posizionamento di una partita esemplificativa. Il Rosso, a cui tocca muovere, può collocare una nuova pedina in posizione g1, realizzare un Mulino in g1-g2-g3, e catturare una pedina avversaria a scelta, ad esempio quella in d2. La nuova posizione dopo la mossa in g1 e la cattura d2 è riprodotta in figura 3. Nella situazione in figura 2 il Rosso potrebbe anche muovere l'anello esterno in senso orario e realizzare comunque un Mulino in g1-g2-g3 (vd. figura 4): in questo caso però potrebbe catturare soltano la pedina in c2, perchè le altre farebbero parte di un nuovo Mulino realizzato in d1-d2-d3 (vd. figura 5).
Fase di movimento
Quando un giocatore ha collocato tutte e 10 le pedine a disposizione, può muovere una propria pedina a scelta. Lo spostamento avviene verso un'altra intersezione, purché essa sia libera ed adiacente rispetto a quella di partenza. Il movimento può avvenire sullo stesso anello o verso un anello adiacente. Come nella fase di posizionamento, il giocatore può muovere un anello con le stesse regole previste per la fase di posizionamento.
Anche in questa fase, quando un giocatore realizza uno o più Mulini cattura una o più pedine avversarie, con le stesse regole previste per la prima fase.
La fase di movimento termina una volta che uno dei giocatori rimane con solo 3 pedine.
Fase finale
In questa fase il gioco prosegue con le stesse regole previste per le precedenti fasi. L'unica differenza è che quando un giocatore rimane con sole tre pedine può muovere le proprie pedine in una qualsiasi intersezione libera del tavoliere, anche non adiacente rispetto a quella di partenza.
L'obiettivo del gioco è ridurre l'avversario alla disponibilità di sole due pedine (impedendogli quindi di realizzare Mulini).

Varianti
Variante Pro
In questa variante, proposta da Marino Carpignano, sono vietate le mosse che comportano la realizzazione di Mulini con le pedine avversarie.
Variante 4 giocatori
Anche in questa variante ciascun giocatore dispone di 10 pedine. Il giocatore con meno di 3 pedine viene eliminato, ma le sue pedine rimangono in gioco: vengono tolte dal tavoliere man mano che vengono formati Mulini (vd. figura 6).
Moulin Rouge
Moulin Rouge
Moulin Rouge
Figura 4
Figura 5
Figura 6
Inviaci un messaggio!





Ultimo aggiornamento: 24/02/2017
 
Torna ai contenuti | Torna al menu